Storia
NOTIZIE STORICHE, ARALDICA E DIRITTO NOBILIARE ARMA: D’azzurro a sei palle (monete) d’oro poste in cinta . CIMIERO: Leone stringente una palla con le branche superiori . MOTTO: Omnes redierunt et ego solo mansi . I    genealogisti    lucchesi    fanno    provenire    i    Mansi    da    Magonza,    al seguito   di   Ottone   I   nel   962   dei   quali   uno   solo   essendo   rimasto   in   Lucca avrebbe dato origine al motto della Casa. Gherardo ,   forse   un   oriundo   franco,   nacque   a   Lucca   alla   fine   del   secolo   XI   e   da lui   si   articolò   il   grande   albero   genealogico   della   famiglia,   tutt’ora   presente   nella tenuta di Monsagrati, mettendo radici in città. Manso     di    Gherardo    è    ricordato    nei    documenti    fin    dal    1085    come proprietario di beni terrieri donati ai Canonici di San Martino. Masniero     nel    XII    secolo    è    citato    in    una    pergamena    del    Capitolo    come    testimone    del    figlio Guiduccio   e   del   fratello   Lotterio,   che   ricoprì   cariche   importanti   subito   dopo   la   nascita   del   Comune   nel 1162,   tanto   da   essere   arbitro   nel   1181   di   una   controversia   tra   le   potenti   famiglie   dei   Poggi   e   degli Allucingoli,   proprio   nello   stesso   anno   in   cui   venne   eletto   Papa   il   lucchese   Lucio   III,   appartenente   a quest’ultimo   casato.   La   famiglia   era   costituita   da   numerosi   consortati,   aventi   il   privilegio   di   approntare il   conio   delle   monete   alla   Zecca   di   Lucca;   diritto   che   Lamberto    di   Masneri,   console   maggiore   della   città, cedé nel 1182, anche a nome dei consorti, al libero Comune. Anche   altri   discendenti   di   questo   illustre   e   nobile   casato   raggiunsero   nel   Duecento   una   certa importanza   sociale,   come   Federico   che   fu   nel   Maggior   Consiglio   nel   1258   e   nel   1263   assieme   ai   fratelli Rustichello    ed    Uberto,    mentre    Jacopo    comandò    le    fanterie    lucchesi    mandate    in    Gallura    contro    i Gherardesca. All’inizio    del    XIV    secolo,    ormai    affermate    e    ben    consolidate    le    radici    del    prospero    albero, troviamo   Betto   podestà   di   Montefegatesi   nel   1302,   Figoro    podestà   di   San   Quirico   in   Valdrina,   Ser   Cione primo notaio della famiglia.     Fecero    parte    della    cerna    potentium ,    e    furono    perciò    banditi    nel    1308    all’avvento    della    parte popolare.   Ritornati   in   Lucca   nel   1331   ebbero   parte   notevole   nelle   vicende   della   Repubblica   per   le   alte cariche   politiche   sostenute,   e   per   il   numero   degli   Anziani    e   dei   Gonfalonieri    che   dettero   al   Governo   dal 1394. Simone    Mansi,   primo   nella   storia   del   casato   a   ricoprire   la   carica   di   Anziano   fu   vicario   di   Carrara durante    la    dominazione    di    Paolo    Guinigi    (1400-1430)    mentre    il    fratello    Ranieri    fu    commissario    a Pietrasanta   ed   infine Anziano   nel   1435   ed   anni   seguenti;   Lodovico    ambasciatore   per   la   Repubblica   a   Carlo V nel 1551;    Dai   due   figli   di   Ranieri   (1374-1446)   e   di   Lorenza   di   Paolo   Nieri,   Cipriano   sposato   con   Margherita di   Pietro   Filippi   e   Ser   Nicolao   (+   1510)   importante   notaio   in   attività   tra   il   1424   e   il   1469   discese   il   ramo estinto nel XVIII secolo. Dei   figli   di   Ser   Nicolao,   Francesco   e   Lodovico,   il   primo,   marito   di   Angela   di   Giovanni   Totti,   morto nel   1561,   continuò   la   discendenza   del   casato,   fu   il   primo   vero   mercante   del   casato,   civis   et   mercator lucensis .   Nel   corso   del   XVII   secolo,   periodo   di   maggiore   espansione   finanziaria   della   famiglia,   troviamo molti   illustri   personaggi   ,   tra   i   quali   ricordiamo   Luigi   di   Paolo   di   Simone   che   esercitò   con   grande   abilità l’avvocatura   e   fu   ambasciatore   presso   il   duca   di   Parma,   Emilio   e   Giuseppe   di Ascanio,   religiosi   insieme   a molti   altri   discendenti   Mansi,   e   Carlo   Domenico   (1682-1750)   ambasciatore   residente   della   Repubblica   a Vienna.   Francesco   lasciò   eredi   tre   figli   maschi   tra   cui   un   altro   di   nome   Cipriano   (+   1601),   marito   di Angela di    Vincenzo    Bartolomei    da    cui    ebbe    numerosa    discendenza    tra    cui    Nicolao    che    fondò    il    primo fidecommesso    della    famiglia    nel    1621,    dal    suo    matrimonio    con    Margherita    di    Gaspare    Carincioni , vedova   Burlamacchi,   si   articolò   il   grosso   ramo   della   famiglia   che   nel   Seicento   accumulò   enorme   fortuna con   traffici   in   tutta   Europa,   soprattutto   per   merito   di   Raffaello,   marito   di   Lucrezia   di   Massimisa   Balbani   e del   fratello   Gaspare   marito   prima   di   Lucida   Saminiati   e   poi   di   Livia   de’   Nobili.   Fu   una   attività   frenetica, dalla   Sicilia   al   lontano   porto   di   Arcangelo   in   Russia,   che   permise   ai   due   fratelli   di   comperare   tutto   il nuovo   palazzo   in   via   Galli   Tassi   di   fronte   alla   vecchia   casa   grande ,   la   splendida   Villa   di   Segromigno, quella   di   Catureglio   e   il   feudo   della   Fontanazza,   acquistato   l’11   maggio   1667   dal   Duca   Ranuccio   Farnese per   la   somma   di   33.224   ducatoni   piacentini,   pari   a   390.382   scudi   lucchesi,   eretto   in   Marchesato   il   18 maggio   1667   a   nome   dell'acquirente   e   dei   successori   maschi   da   maschi   dal   Duca   Ranuccio   II   Farnese,   VI di Parma e Piacenza. Erede    di    tutto    il    patrimonio    fu    Ottavio ,    figlio    di    Raffaello,    a    cui    lo    zio    Gaspare,    senza    eredi malgrado   i   due   matrimoni,   lasciò   tutti   i   suoi   averi,   tra   cui   una   preziosa   collezione   di   dipinti   fiamminghi ed olandesi. Ottavio (1630/91) di Raffaello sp. M. Anna Arnolfini da cui nacque Carlo (1661 -1712) che impalmò la Marchesa Eleonora Pepoli di Bologna e dalla unione nacquero Marianna sp. Marchese Sen. Giovanni fratello del Card. Prospero poi Pontefice Benedetto XIV di Marcello Lambertini di Poggio Renatico da cui il Principe Egano (+1771) sp. Margherita Spada da cui il Principe Giovanni, Marchese di Poggio Renatico che impalma nel 1739 Lucrezia dei Conti Savorgnan da cui il Principe Carlo (1765+1783) con cui si estinse il Casato Lambertini. Anna Maria di Carlo e della Pepoli sp. Marchese Gaetano Anguissola di Grazano da cui Teresa sp. nel 1766 il N.H. Principe Giovanni Gonzaga 8° ed ultimo Marchese di Luzzara e un altro Raffaello (1689 – 1758) di Carlo, che lasciò raramente la città di Piacenza dove morì nel proprio Palazzo in via della Mosca. Il   più   illustre   della   famiglia   e   degli   eruditi   lucchesi   del   secolo   XVIII   fu   Giovan   Domenico   (1692- 1769)   dei   Chierici   Regolari   della   Madre   di   Dio,   noto   autore   della   Storia   dei   Concili ,   Arcivescovo   di   Lucca dal 1764 al 1769. Nel   XVIII   secolo   vestirono   l’abito   di   Malta   con   Francesco   Antonio,   Guido   Ottavio,   Giuseppe   e Nicolao. Dal   matrimonio   di   Raffaello   con   Anna   Luisa   Balbani   nacque   Luigi    (1723-1797),   sposatosi   con Ersilia   di   Cesare   Santini,   sorella   di   Nicolao   noto   ambasciatore   alla   corte   di   Firenze,   dalla   loro   unione nacque   un   unico   figlio   Raffaele ,   sposatosi   con   la   dama   d’onore   della   principessa   di   Lucca   e   di   Piombino Camilla   Parenzi,   ultima   del   ramo   principale   del   suo   casato,   che   portò   una   ricca   dote   tra   cui   la   bella   villa di   Moriano   e   la   tenuta   di   Monsagrati,   attuale   dimora   del   Marchese   Mansi,   il   palazzo   di   Via   Santa Giustina e una ricchissima collezione di quadri fiamminghi ed olandesi. Raffaele    di    Luigi    coprì    durante    il    Principato    Napoleonico    la    carica    di    Ministro    di    Stato,    fu Cavaliere   d’Onore,   membro   del   Senato,   ed   Ambasciatore   di   Elisa   Bonaparte   Baciocchi   a   Napoleone   nel 1805.   Ascanio   di   Giovan   Battista,   già   Segretario   di   Stato   dei   Baciocchi   tenne   il   Ministero   dell’Interno   e degli   Esteri   sotto   il   Ducato   Borbonico   fino   al   1840,   anno   della   morte;   e   con   Giovan   Battista   di   Ascanio, Consigliere   di   Stato   si   estinse   il   ramo   della   famiglia   Mansi   abitante   nel   palazzo   già   Sirti   sulla   piazza   di   S. Maria Forisportam. Dal   matrimonio   di   Raffaele   con   la   Parenzi   nacquero   Luigi ,   morto   nel   1869,   Girolamo,    morto   nel 1880 ed Ersilia che sposò il conte Lelio di Bernardino Orsetti.   Questa   discendenza,   detta   di   S.   Pellegrino   per   avere   sontuosa   dimora   presso   questa   Chiesa   in Lucca   ebbe   termine   il   18   agosto   1880   in   Girolamo    di   Raffaelle   e   della   Parenzi,   il   quale   aggregò   e   lasciò erede   delle   sostanze   e   del   nome   il   secondogenito   del   conte   Stefano   di   Lelio   Orsetti   e   di   Alaide   nob. Giannini, il marchese Raffaello . La   famiglia   ebbe   altri   palazzi   sulla   piazza   di   S.   Martino,   poi   Lombardi;   e   sulla   piazza   di   S. Frediano,    poi    Marchi;    ville    a    Vorno,    a    Gragnano,    a    Camaiore,    a    Catureglio    e    quella    bellissima    di Segromigno   decorata   da   pitture   di   Stefano   Tofanelli   e   onorata   dall’11   al   16   maggio   1930   dalla   presenza di S.E. Mussolini. I   marchesi   Mansi,   iscritti   nel   Libro   delle   famiglie   Nobili   della   Repubblica   di   Lucca   del   1628;   nel Catalogo   delle   famiglie   originarie   dei   nobili   personaggi   della   Repubblica   di   Lucca   del   1787;   nel   Libro d’Oro    del    1826;    ebbero    confermata    la    nobiltà    patrizia    lucchese    ereditaria    ed    il    titolo    ereditario    di marchese   con   decreti   del   Duca   Carlo   Lodovico   di   Borbone   del   28   settembre   1826   e   dell’8   ottobre   1828; dal   R.   D.   di   Motu   proprio   di   rinnovazione   del   16   febbraio   1928   e   RR.   LL.   PP.   del   11   aprile   1929.   La famiglia   è   iscritta   nel   Libro   d’Oro   della   Nobiltà   Italiana,   nell’Elenco   Ufficiale   Nobiliare   Italiano   del   1922 e   nell’Elenco   Ufficiale   della   Nobiltà   Italiana   del   1933   coi   titoli   di   Marchese   (mpr.),   Conte   Palatino   (m.)   e Patrizio   di   Lucca   (mf.)    nella   discendenza   da   Raffaello   di   Stefano   Orsetti,   da   Raffaello   Mansi   ma   nato Orsetti,   (sp.   contessa   Antonietta   di   Cosimo   Bernardini)   di   Stefano   di   Lelio.   Da   questo   matrimonio   che univa   altri   due   grossi   casati   lucchesi   nacquero   Maria   Camilla   (n.   1893,   +   1962)   in   Carlo   Alberto   de   Vera d’Aragona,   Duca   di   Alvito;   Eleonora   (n.   1896,   +   1972),   in   Conte   Ernesto   Cenami   Spada;   Anna   Luisa (n.1899,   +   1999)   e   Luigi    (n.   1900,   +   1971)   sp.   Bianca   di   Giuseppe   Orlando   di   Livorno.   Girolamo   (n.   1901,   + 1967) e Stefano (n. 1903, + 1999). Figli di Luigi:   Gerardo  (n. 1924, + 2009) e Laura ( n. 1927, + 2013) vedova di Leone Salom di Venezia. Il   casato   continua   con   Gerardo   (+   2009),   sposato   prima   con   Laura   Carducci   Artenisio   e   poi   con   Irene Hoyer   Lauring   da   cui   sono   nati   Benedetta   nel   1964,   moglie   di   Luca   De   Ranieri   e   Luigi   nato   nel   1973, ultimo   del   casato,   che   con   atto   pubblico   aggrega   alla   propria   Casa   il   dottor   Emilio   Petrini   nato   nel   1975, oggi Petrini Mansi, diritti che sono stati legalmente riconosciuti anche negli atti civili e religiosi.
Omnes redierunt ego solus Mansi MANSI