Aggregazioni Famigliari
AGGREGAZIONI FAMIGLIARI Il   18   agosto   1880   Girolamo   di   Raffaello   Mansi   aggregò   e   lasciò   erede   delle   sostanze   e   del   nome   il   secondogenito del   conte   Stefano   Orsetti   il   marchese   Raffaello   il   quale   assunse   i   titoli   nobiliari   di   Marchese,   Patrizio   di   Lucca   ed   il cognome Mansi. Comunque,   Girolamo   di   Raffaello   non   fu   l’unico   ad   utilizzare   l’atto   di   aggregazione    per   permettere   ad   altri anche   non   appartenenti   al   proprio   sangue   di   utilizzare   titoli   nobiliari,   arma   e   nome   propri,   prima   di   lui   ci   fu   il   Card. Cosimo   Orsini   che   negli   anni   1477-1480   e   1483   aggregò   alla   sua   famiglia   Pietro   di   Ambrogio   Martorelli   con   il   diritto di usare per sé e discendenti in infinito l’arme ed il cognome Orsini. Ancora,   la   patente   di   famigliarità   e   di   aggregazione   fu   concessa   alla   fine   del   1600   anche   dai   Marchesi   Malaspina Signori   di   Mulazzo   a   Signorino   Crescini   che   aggiunse   al   proprio,   il   cognome   Malaspina   e   ne   inquartò   l’arma   alla propria. Lattanzio   di   Belisario   Bulgarini,   nel   1686,   chiese   ed   ottenne   di   essere   aggregato   [V.   Spreti,   Enciclopedia   Storico Nobiliare    Italiana,    Vol.    II    pag.    204    Milano,1928-36]    con    la    sua    discendenza    in    infinito    alla    famiglia    d’Elci, assumendone   il   cognome   ed   il   titolo   ed   inquartandone   lo   stemma,   con   diritto   a   succedere   in   tutti   i   privilegi   e prerogative della famiglia d’Elci, qualora questa venisse ad estinguersi. Ancora    i    San    Martino    aggregarono    [V.    Spreti,    Enciclopedia    Storico    Nobiliare    Italiana,    Vol.    IV    pag.    444 Milano,1928-36]   i   Marchetti,   i   Birago   detti   di   San   Martino   di   Vische,   e   per   i   Perrone.   Nel   privilegio   del   1582   è   detto che   gli   aggregati:   “debbano   e   possano   gioir   e   godere   di   tutte   le   honoranze,   preheminenze,   privilegi,   dignità,   gradi, titoli,   immunità,   asili,   diritti,   ragioni,   concessioni,   armorie,   insegne,   et   altre   cose   [...],   siccome   essi   fossero   nati   et procreati dal loro stesso ceppo, agnatia, prosapia et sangue”. Anche   i   Marchesi   Mazzarosa   altra   importante   famiglia   patrizia   lucchese   utilizzarono   l’aggregazione[V.   Spreti, Enciclopedia   Storico   Nobiliare   Italiana,   Vol.   IV   pag.   512   Milano,   1928-36;   G.   Mansi,   I   Patrizi   di   Lucca,   pag.   311   Lucca ed.   Titania,   1996]   per   evitare   l’estinzione   e   precisamente   la   prima   volta   nel   1732   istituendo   un   nuovo   fidecommesso rigidissimo,   trasferibile   alla   figlia   Maria   Caterina   ed   al   marito   Tommaso   di   Stefano   Nieri,   che   assunse   il   cognome Mazzarosa   con   atto   di   Ser   Antonio   Rinaldi   17.7.1732   con   tale   atto   si   fa   obbligo   di   trasmettere   anche   a   persone estranee   alla   famiglia   il   fidecommesso,   a   condizione   che   assunsero   il   nome   Mazzarosa,   circostanza   che   si   verificò quasi   subito   perché   Francesco   IV,   figlio   appunto   di   Tommano   nato   Nieri   e   di   Maria   Caterina,   morì   senza   figli   nel 1800   prima   di   morire   Francesco   Mazzarosa   (1764-1800)   aggregò   Antonio   di   G.   B.   Mansi,   con   l’obbligo   di   prendere   il solo cognome Mazzarosa. Lelio    Orsetti    non    avendo    avuto    figli    maschi    sarebbe    stato    l'ultimo    della    sua    famiglia,    per    questo    con testamento   redatto   nel   1926   e   pubblicato   nel   1939,   espresse   il   desiderio   che   suo   nipote   Stefano   de   Sanctis,   figlio primogenito   del   barone   Giuseppe   de   Sanctis   e   di   sua   figlia   Ersilia   (detta   Bebetta)   Orsetti,   nato   il   22   Ottobre   1910, fosse   autorizzato   ad   assumere   il   cognome   Orsetti.   Questo   desiderio   fu   esaudito   dal   Presidente   della   Repubblica Italiana   Luigi   Einaudi   con   suo   decreto   in   data   29   Marzo   1949,   e   così,   da   allora,   Stefano   de   Sanctis   divenne   Stefano Orsetti,   mentre   i   suoi   fratelli   e   sorelle   continuarono   a   chiamarsi   de   Sanctis.   Nel   1983   Umberto   II   ha   concesso   a   Lelio Orsetti   (tuttora   vivente)   figlio   di   Stefano   Giuseppe   il   titolo   di   Conte   (mpr)   in   quanto   il   titolo   di   Conte   Palatino   di Casa Orsetti fu riconosciuto al Marchese Raffaello Mansi (nato Orsetti) e a tutti i maschi con D.M. di ric. 14 apr. 1929. Come   il   citato   Girolamo   di   Raffaello   che   aggregò   Raffaello   nato   Orsetti,   in   data   2   aprile   2012   con   atto   pubblico   il   marchese   Luigi    del   fu   Gerardo   Mansi,   conte   palatino,   patrizio   di   Lucca,   nato   a   Milano   nel   1973   ha   aggregato   alla propria   Casa   il   dottor   Emilio   Petrini   nato   a   Lucca   nel   1975   con   il   diritto   di   uso   legale   per   sé,   i   suoi   e   successori all’infinito   dei   titoli   nobiliari,   dell’ Arma   di   Famiglia   e   del   cognome   MANSI,   da   aggiungere   al   proprio,   in   modo   che   il suo   nome   e   cognome   così   risulti:   “Conte   Emilio   Petrini   Mansi,   Nobile   dei   Marchesi,   patrizio   di   Lucca”;    Pertanto,   quale aggregato    gode   di   tutti   i   privilegi,   diritti,   prerogative,   riguardi,   trattamenti   e   facoltà,   usi   e   consuetudini,   nessuno escluso   e/o   eccettuato   di   Casa   Mansi,   diritti   che   al   Conte   Emilio   Petrini   Mansi   sono   stati   legalmente   riconosciuti anche negli atti civili e religiosi. PER INFO SULLE AGGREGAZIONI FAMIGLIARI  www.studiolegaledidirittonobiliare.com.
Omnes redierunt ego solus Mansi MANSI